Metodi di distillazione di oli essenziali

Metodi di distillazione

Distillazione in corrente di vapore

È il metodo più usato per ottenere un' olio essenziale di alta qualità. La pianta cede al vapore le sue sostanze volatili, che dopo il processo di refrigerazione, si separano e vengono raccolte in goccioline, i cosìddetti "oli essenziali"
 

Spremitura a freddo

Questo metodo viene usato per gli oli essenziali degli agrumi. Con apposite macchine viene estratto l’olio essenziale contenuto nelle bucce degli agrumi. Si esegue a freddo e non comprende alcun trattamento chimico.
 

Enfleurage

E’ il più antico metodo di estrazione conosciuto. Sviluppato dagli Egizi, oggi è quasi in disuso. Questo metodo permette di trattare fiori fragili, come il gelsomino, la tuberosa, la rosa e la violetta che altrimenti si danneggerebbero facilmente. I fiori vengono appoggiati su lastre ricoperte di grasso animale o di olio vegetale (olio di caritè, di cocco o altri) per assorbire i profumi dei fiori. Per i primi 2 mesi i fiori vengono sostituiti circa ogni secondo giorno con fiori freschi, finché il grasso sarà impregnato di profumo. Questo "grasso profumato" verrà sciolto con dell'alcool; in seguito sarà serparato nuovamente l'acool dall'essenza.
 

Estrazione con solventi

Un altro metodo, usato dall' industria della cosmetica è quello di utilizzare solventi volatili, che in seguito devono essere tolti. Per questo motivo è fondamentale affidarsi a fornitori che garantiscono la massima serietà. Maitreya sceglie tutti gli oli essenziali e le distillerie con molta attenzione per garantire ai suoi clienti di acquistare oli essenziali senza alcuna traccia di residuo di solventi.
 

Estrazione con anidride carbonica  - (CO² super critica)

Questo metodo particolare e nuovo ad alti costi è adatto per non danneggiare le piante e i fiori molto sensibili. Il materiale viene estratto tramite basse temperature ed alta pressione con relativa velocità. Sarà un metodo apprezzato in futuro.